Seconda rivoluzione?

Foto di Hossam el-Hamalawy.

Il grafitto in alto dice “rivoluzione del popolo, potere del popolo” (thaura al-sh’ab, sulta al-sh’ab). La rivoluzione è tornata nelle strade del Cairo. Non a caso un altro blogger egiziano, Issander el Amrani aka the Arabist parla di Rivoluzione 2.0. Non mi dilungo sugli eventi, che immagino conosciate bene grazie allo streaming di AlJazeera. O Twitter: i messaggi dei circa 200 attivisti attaccati dalla polizia la mattina del 19 Novembre hanno spinto altri manifestanti a raggiungere la piazza. Anche oggi Twitter è stato utilizzato dagli attivisti per coordinarsi, annunciare la creazione di un ospedale da campo e distribuire maschere anti-gas.

Dall’ufficio in Mohandesin – quartiere commerciale nella zona est del Cairo –  ho seguito il il flusso costante di informazioni. È presto per tirare delle conclusioni sugli eventi del 19 e 20 Novembre. Leggendo online e parlando con colleghi mi pare che emergano due diverse analisi.

Per alcuni, si è di fronte ad un tentativo di “dirottare” il processo di transizione, fomentando una situazione di insicurezza che impedisca lo svolgimento delle elezioni. In questo scenario il vincitore sarebbe lo SCAF. Questa teoria fa un po’ a pugni con le dichiarazioni dei militari e del governo: fino a poco fa le autorità hanno continuato a sostenere che le elezioni si terranno secondo il timeframe stabilito.

Una seconda analisi punta il dito sull’incapacità dello SCAF di gestire la transizione. Il documento dei principi sovra-costituzionali di el-Selmi è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso dello scontento dei giovani attivisti. I problemi però si erano accumulati: tribunali militari, eventi di Maspiro, bloggers imprigionati.

A questo punto i manifestanti chiedono la caduta del governo militare, senza porsi il problema delle consequenze di questo evento sul processo elettorale. Le dimissioni dei militari porterebbero alla creazione di un vuoto di potere. Chi potrà gestire la transizione? Issander el Amrani suggerisce giustamente l’idea di un governo di unità nazionale composto da personalità indipendenti e rispettate, capaci quindi di condurre il paese verso l’elezione della Costituente, del Parlamento e del Presidente. Sempre che un governo di questo tipo possa ottenere l’appoggio dei Fratelli Musulmani. Non dimentichiamo che il movimento islamico ha fin’ora collaborato con lo SCAF ed anche adesso continua la sua campagna elettorale come se nulla fosse accaduto.

Propendo per la seconda analisi. In ogni caso il risultato delle proteste rimane incerto. Lo stand-off tra manifestanti e polizia continua: le prossime ore saranno critiche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...