Il Medio Oriente visto dal fumetto (occidentale)

Guardare al Medio Oriente partendo dall’Occidente, per la precisione dal Canada e dagli Stati Uniti. Ed utilizzando un mezzo di comunicazione particolare: il fumetto. Attenzione, non il fumetto che troviamo in edicola (quello delle edizioni Sergio Bonelli per intenderci). Qui si tratta di veri e propri romanzi sotto forma di fumetto. Non a caso, per gli anglofoni si parla di graphic novel mentre i francofoni utilizzano il termine bande dessinée.

È proprio dal mondo francofono che arriva la prima delle due opere. Una autore canadese (Guy Delisle), una casa editrice francese (Delcourt), il più importante quotidiano francese (LeMonde) ed ecco sul web l’anteprima di Chroniques de Jérusalem. Il fumetto racconta l’anno che l’autore ha passato a Gerusalemme, dove ha seguito la moglie che lavora per Medici senza Frontiere (MSF).

Sfogliando le prime pagine virtuali, ho ritrovato le mie prime impressioni di Gerusalemme e le esperienze che accomunano noi stranieri nella Città Santa: perdersi nella Città Vecchia, il caotico sistema di autobus, la sensazione post-armageddon delle strade vuote durante lo Shabbat. Inutile dire che attendo con impazienza il prossimo capitolo, disponibile dal 23 Settembre sempre su LeMonde.

Per Delisle non è il primo fumetto semi auto-biografico ed ispirato alle sue esperienze all’estero. Ha già pubblicato Shenzen, in seguito alla sua permanenza in Cina, Pyongyang, dove racconta la vita in Corea del Nord, e Chroniques birmanes (Cronache birmane) sull’anno trascorso a Myanmar. Questi tre fumetti sono stati tradotti e pubblicati anche in Italiano dalla Fusi Orari, casa editrice di Internazionale. Per leggere interamente Chroniques de Jérusalem bisognerà aspettare il 16 novembre quando il fumetto sarà disponibile nelle librerie francesi (ed in quelle online). Intanto possiamo goderci l’anteprima settimanale dei primi sei capitoli sul quotidiano francese.

Curiosamente, questa anteprima arriva a pochi giorni di distanza dalla pubblicazione di un’altra opera – molto attesa direi – che guarda ugualmente al Medio Oriente. Si tratta di Habibi di Craig Thompson (edizioni Pantheon), che sarà disponibile il 20 Settembre, cioè domani, negli Stati Uniti (ed online). Niente anteprime per Habibi, ma sul blog dell’autore potete trovare molti disegni preparatori ed alcune pagine finite dell’opera, che racconta la storia di Dodola e Zam, schiavi bambini, sullo scenario offerto dal Medio Oriente.

Guardando le immagini disponibili, emerge chiaramente l’influenza della calligrafia araba e dell’arte islamica, che l’autore ha studiato. Ed ovviamente delle Mille ed una notte e di tutto l’immaginario orientalista. Insomma un approccio orientale ed orientalista allo stesso tempo, la visione occidentale dell’Oriente e lo studio dell’arte islamica insieme. La lunga intervista su Guernica Magazine spiega cosa ha spinto Thompson ad intraprendere questo lavoro, durato ben sette anni, e cosa ha influenzato il suo disegno.

Non resta che vedere le spese di spedizione per questo volume di 600 pagine o attendere fiduciosi una possibile traduzione italiana (chissà, la Coconico Press pubblicò in Italia il precedente fumetto di Thompson, Blankets…).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...